LA RISPOSTA DEL SI ALLA CENTRALE ALL’ON.LATRONICO

Stiamo seguendo con crescente preoccupazione le vicende della centrale Enel del Mercure.
Anche oggi tutte le agenzie battono la notizia della ricorsa al rialzo degli spaventosi tassi di disoccupazione, subito ripresa da tutte le edizioni dei telegiornali.
E mentre il Presidente del Consiglio, quasi tutte le forze politiche, le OO.SS, adoperano le parole più dure per commentare le cifre della disoccupazione – che nel Meridione d’Italia tocca punte del 65%,- ci tocca leggere che l’on Latronico ha preso degli impegni con i sindaci di Rotonda e Viggianello affinchè “”… il progetto di realizzazione e di esercizio della centrale biomasse del Mercure sia valutato per il suo effettivo impatto sul territorio e sulle potenzialità di sviluppo del Parco nazionale del Pollino” .
A quanto pare, l’on. Latronico si è preso davvero sul serio, tanto che in una lettera – sembra diffusa dal medesimo- spiega al Ministro dell’Ambiente che “ I comuni lucani di Viggianello, Rotonda e il Comitato del territorio del “Parco del Pollino” sono contrari alla riattivazione del sito e chiedono l’istituzione presso il Ministero dell’Ambiente di un tavolo tecnico per accertare se la centrale è stata totalmente bonificata per la riconversione, la verifica delle tecnologie applicate ai fini della salvaguardia del territorio e della tutela delle attività economiche locali, legate al turismo e al settore agro-alimentare”.
E’ ovvio che l’on. Latronico in qualità di parlamentare della Repubblica Italiana abbia tutti i diritti, anzi il dovere, di attivarsi per conoscere le vicende che riguardano il territorio – più o meno distante- di cui rappresenta gli interessi.
Però, ci permetta l’on. Latronico, qualche domanda : è vero o non è vero, che il progetto di riattivazione della centrale Enel del Mercure ha avuto i pareri favorevoli di tutti gli enti preposti alla tutela della salute, di tutti gli enti preposti alla sicurezza, di tutte le Istituzioni Pubbliche- Nazionali e Territoriali – competenti ciascuna per proprie numerose i attribuzioni, ivi compri molteplici pareri positivi dell’Ente Parco?
E’ vero o non vero, che nel corso dei lavori per la riconversione della centrale, tutte le attività dirette a smantellare il vecchio impianto, sono avvenute secondo i disposti di legge, sotto il controllo delle autorità preposte, le quali hanno rilasciato certificazione di rito?
E’ vero o non è vero che tutte le ispezioni eseguite in centrale da tute le autorità – sanitarie, di polizia ecc. ecc.- hanno avuto esito positivo per l’impianto?
E’ o non è vero che le analoghe interrogazioni dei colleghi dell’on. Latronico, si sono risolte in un nulla di fatto, compresa quella rivolta alla Commissione Europea dall’attuale sindaco di Napoli, De Magistris.?
Ma allora di quali ulteriori controlli parla l’on. Latronico?
Noi non siamo particolarmente versati alla politica e alle sue strategie, ma ci viene da chiederci: ma la interrogazione dell’on. Latronico sottintende che chi ha eseguito i controlli fino a questo momento non abbia fatto il proprio dovere?
Lo dica l’on. Latronico, e se ne assuma le responsabilità!!!!
Diversamente finiamo con parlare delle favole raccontante dai due sindaci, quelli di Rotonda e Viggianello, che da anni sono super impegnati a promuovere il turismo e l’occupazione nella Valle del Mercure con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
Sono risultati talmente esaltanti che rischiano di essere compromessi dall’esercizio della centrale del Mercure .
Ma quando la centrale Enel del Mercure era ferma i risultati dei tassi di disoccupazione quali sono stati? il 40% , il 50% e adesso il 60% e oltre di disoccupazione? .
Bel risultato on. Latronico , e sa a chi dovrebbe chiedere conto? A quelle stesse persone che non aprono bocca sulla concessione dello sfruttamento delle acque del Mercure da loro vaticinata, alle stesse persone che da anni sversano liquami nelle acque del Mercure.